Colle del Piccolo San Bernardo

///Colle del Piccolo San Bernardo

Altitudine: 2.188m
Collega: La Thuile (IT) con La Rosiere (FR)
Lunghezza: 16km
Link google maps

Questo passo si trova proprio sul confine tra Italia e Francia, precisamente, per quanto riguarda noi italiani, in Val d’Aosta nel comune di La Thuile.
E’ una rotta di collegamento molto antica, risalente addirittura al neoilitico, in quanto è il valico di collegamento più basso delle Alpi nord-occidentali.

Oggi però è anche una nota meta turistica, sia per l’escursionismo in estate, sia per lo sci in inverno, anche se nella stagione fredda il valico è chiuso. Questo fa si che il passo sia mediamente trafficato in caso di bel tempo e quindi occorre prestare particolarmente attenzione.

Salita verso il Piccolo S. Bernardo

Salita verso il Piccolo S. Bernardo

Per raggiungere il valico dal versante italiano ci sono due possibilità. La prima è percorrere la SS26 da Pre’-Saint-Didier, mentre la seconda, che consigliamo, è attraverso il colle San Carlo (1.911m) sulla SR39.
Questo tratto di strada inizia appena fuori dal comune di Morgex, una strada dalla carreggiata non molto larga ma ben asfatlata, che sale abbastanza ripidamente in un sottobosco che quindi non da tantissima visibilità sulle curve. Una volta scollinati inizia la discesa verso La Thuile in un tratto meno coperto dalla vegetazione fino al centro abitato dove ci si riimmette sulla SS26 per risalire verso il Colle del Piccolo San Bernardo.
Anche qui il fondo stradale è ancora in buone condizioni, la vegetazione già scarsa sparisce salendo verso il valico regalando degli ottimi panorami.

Sul valico sono presenti un paio di bar-ristoranti che offrono ottimi menù tipici.

Sosta sul Colle del Piccolo S. Bernardo

Sosta sul Colle del Piccolo S. Bernardo

Il versante francese presenta una strada, che prende il nome di D1090, dalla carreggiata un po’ più stretta e soprattutto priva di parapetto. Qui occorre quindi fare più attenzione in quanto anche il pendio è molto più ripido. Verso valle, riincontrando la vegetazione,  la carreggiata si allarga con una successione di ampi tornanti fino ai centri abitati di La Rosière e Séez. Da qui è possibile imboccare la D902 che porta al Col de l’Iseran.

Sono circa 16 i km tra La Thuile e La Rosière, 16 km di strada molto ben asfaltata in Italia, mentre troviamo un asfalto più ruvido ma comunque senza buche sul versante francese. Il paesaggio, se pur fantastico non è altresì spettacolare come quello incontrato su altri passi alpini.
Sicuramente è una bella meta turistica, grazie anche al lago Verney e al Cromlech neolitico che si trova proprio sulla sommità del passo.

2018-07-11T04:39:02+00:00

Scrivi un commento