Tour dell’Appennino Ligure

///Tour dell’Appennino Ligure

25 marzo 2018

Inizia la Stagione 2018, e partiamo subito con un evento ricco di presenze!
Meta di questo Tour è a cavallo tra l’Appennino Ligure, ovviamente, e l’Alto Monferrato. L’itinerario di 160km circa ci porta a salire fino al passo del Faiallo a oltre 1.000 metri di altezza per poi scendere nuovamente verso il piemonte lungo bellissime strade collinari.

Il Tour

Questa primavera tarda ad arrivare e infatti l’itinerario definito per questo evento è stato in bilico fino a pochi giorni prima del Tour stesso, infatti il Passo del Faiallo, che si trova poco oltre i 1.000 metri, è stato chiuso fino a pochi giorni prima dell’evento, con un’ultima nevicata proprio nella giornata di sabato.
Finalmente però a metà settimana le previsioni danno certezza di bel tempo nella giornata di domenica, e possiamo dare il via al Tour esattamente come era stato pianificato, senza variazioni.

DSC01900Il ritrovo è nell’Alto Monferrato, nei pressi di Ovada, presso l’agriturismo Albachiara, precisamente a Carpeneto. Il meteo non è proprio dei migliori, qualche nuvola in cielo ma soprattutto un po’ di foschia che non aiuta a scaldare la mattinata.
L’agriturismo si raggiunge dal comune di Montalto Bormida attraverso un brevissimo tratto di strada sterrata (un centinaio di metri) e si affaccia dall’alto sulle colline circostanti. L’ampio cortile e il giardino accolgono le 50 auto e 100 persone presenti a questo Tour.

Dopo l’ottima colazione, di cui ci complimentiamo con l’agriturismo, e la consueta consegna dei roadbook si parte per la prima tappa del Tour.

Iniziamo subito con il trasferimento, su una strada comunque interessante, che ci porta fino ad Ovada per poi salire verso il Turchino attraverso la SP456. Su questo tratto il traffico e la difficoltà nell’eseguire i sorpassi ci porta a procedere con calma fino alla galleria del Turchino, dove usciti da essa svoltiamo per imboccare la SP73 che ci porta al Passo del Faiallo. Inizia così il primo vero tratto di strada guidato.

IMG_9820La strada non è larga, ma comunque sufficiente al transito di 2 auto e permette il sorpasso in sicurezza delle pochissime auto che troviamo lungo questo tratto. Occorre fare attenzione alla presenza di qualche sasso che cade sulla strada, ma non ci sono buche e la scarsissima vegetazione permette grande visibilità. La foschia purtroppo però non permette di vedere il mar Ligure, proprio “sotto” di noi ostacolando un po’ il bellissimo panorama che si può ammirare da questa strada.

Dopo una sosta al Passo del Faiallo, tra i prati ancora innevati, continuiamo il Nostro Tour verso Sassello. Il versante ovest di questo passo, causa la neve e la pioggia caduta fino ai giorni precedenti, presenta molte buche… o voragini! Per cui proseguiamo a ritmo non troppo elevato per prestare attenzione fino a San Pietro d’Olba. Ci immettiamo quindi sulla SP49 in direzione di Sassello. Qui non troviamo più le brutte condizioni della strada precedente e possiamo guidare godendoci di più le curve fino alla successiva sosta, proprio in centro a Sassello.

DSC02947Da Sassello, dopo una sosta di mezz’ora, partiamo per la terza tappa, quella che si rivela essere la più guidata di tutto il Tour. Questo tratto riprende esattamente quello percorso nel 2015 che già 3 anni fa trovammo stupendo e ancora oggi si presenta in condizioni di asfalto ottime.

Da Sassello percorriamo un breve tratto di SP334 e SP216 fino a Mioglia. Qui inizia il tratto guidato lungo la SP215. Una strada con pochissimo transito veicolare, in buone condizioni. Non è larghissima ma permette di incrociare altre auto senza problemi. Attraversa solo il piccolo paese di Pareto, per tutto il resto è una stupenda strada tra le colline dell’Alto Monferrato.
Raggiunta la SP30 la abbandoniamo quasi subito per Mombaldone, dove incomincia un tratto con le stesse caratteristiche del precedente lungo la SP24. Unica nota è la presenza di ghiaino sul manto stradale, sicuramente presente dall’inverno appena concluso.
Da Roccaverano la strada si stringe un po’ e ne approfittiamo per raffreddare le auto avvicinandoci a San Giorgio Scarampi, ultima sosta intermedia di questo Tour.

Appennini__DSC7064Ad accoglierci a San Giorgio Scarampi troviamo direttamente il Sindaco Listello Marco che ci apre l’accesso per la piccola piazza a noi riservata, proprio accanto alla torre medioevale che domina la Val Bormida. Una piccola piazza molto caratteristica che si affaccia come un balcone sulla vallata.

La vista dalla cima della torre, inserita tra i Castelli Aperti del Basso Piemonte, è spettacolare e a 360 gradi. Purtroppo è ancora presente un po’ di foschia che non permette di vedere limpidamente l’intero panorama, ma sicuramente la visita è qualcosa di molto suggestivo.

Appennini__DSC7060Pronti per l’ultimo tratto ripartiamo verso nord lungo la SP56, anche qui una carreggiata non molto larga ma in buone condizioni che scende verso valle tra le colline fino a Monastero Bormida dove attraversiamo l’affascinante ponte romanico.

Raggiunto poi Bistagno imbocchiamo la SP229, ultimo tratto guidato su una bella strada a 2 corsie e ottimamente asfaltata che offre bei panorami e ancora una volta pochissimo traffico fino a Rocchetta Palafea, da dove poi la carreggiata si riduce e procediamo con un passo più tranquillo mentre ci avviciniamo all’arrivo.

Terminiamo quindi questo primo Tour dell’anno giungendo presso La Maragliana, un’elegante struttura immersa tra i vigneti del Monferrato, per il consueto rinfresco finale. Anche qui, come per la colazione, la location meriterebbe essere visitata nella stagione più inoltrata, dove i vigneti colorano i panorami che circondano la struttura.

DSC03961-HDRIl sole che tramonta tra le colline è un bellissimo saluto a questa giornata che si è svolta in modo perfetto, percorrendo strade stupende e, esclusa la discesa dal Faiallo, ben asfaltate, caratterizzate dal poco traffico, ammirando paesaggi incantevoli e con l’ottima compagnia dei soci di viaggio dei Tour di Special Stages.

Ringraziamo per lo svolgimento dell’evento:
l’agriturismo Albachiara per la stupenda e gustosissima colazione,
il comune di Sassello, per aver riservato la piazza,
il comune e il Sindaco di San Giorgio Scarampi per l’ospitalità,
La Maragliana, per l’elegante struttura messa a disposizione del Nostro gruppo.

Ringraziamo inoltre tutti i Soci e i collaboratori che hanno reso perfetto un altro Tour di Special Stages!

#DriveClimbFun
#SpecialStages

2018-03-30T17:51:26+00:00

Scrivi un commento